13
Mag 2017

Paolo Pomata, delegato del Centro Internazionale di Sindonologia di Torino per il Centro Italia e la Sardegna ha incontrato il 13 maggio scorso, Sua Beatitudine Mons. Fouad Twal, Patriarca emerito di Gerusalemme e Gran Priore emerito dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro. Al prelato, in visita privata a Carloforte, sull’Isola di San Pietro in Sardegna, Pomata ha portato il saluto del CIS, l’omaggio di una copia su tessuto, in formato ridotto, della Sindone e l’invito a visitare il Museo della Sindone a Torino.
Nel colloquio, breve e cordiale, il prelato ha ricordato la sua visita a Torino per l’ostensione del 2010 al seguito dei membri dell’Ordine del Santo Sepolcro e ha sottilineato la necessità di non “accontentarsi” della Sindone ma di andare oltre, verso Colui che quell’immagine richiama.

Nel 2010 così si espresse Mons.Twal:

“Con la Sindone Torino e Gerusalemme si trovano unite in un disegno luminoso quanto imperscutabile: una parola e una presenza, quella del Risorto, da accogliere nella fede e nella preghiera. Perciò è eloquente che il Patriarca di Gerusalemme si rechi in pellegrinaggio con i cavalieri del Santo Sepolcro qui a Torino, portando con se tutto ciò che Gerusalemme significa per il mondo cristiano”.

Nel video una brevissima riflessione del Patriarca, colta in occasione della visita del 13 maggio in Sardegna.

Lascia un commento

XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>