24
Set 2017

Anche la sofferenza può essere affrontata con il sorriso sulle labbra. E lui, il Venerabile Barberis, fu un modello di vita spesa e patita per gli altri, ma sempre con la gioia nel cuore. Ed è proprio tenendo a mente questa lezione di saggezza e di amore incondizionato che lunedì 25 settembre, nel cinquantesimo anniversario del suo “Dies Natalis”, cioè del passaggio dalla vita terrena a quella eterna, ben 16 sacerdoti hanno voluto commemorare Mons. Adolfo Barberis nel corso di una solenne concelebrazione nella chiesa “Il Gesù”, in via Lomellina 44 a Torino. Proprio qui il Venerabile moriva il 24 settembre del 1967. E sempre qui c’è la casa madre delle Suore del Famulato Cristiano, la congregazione che proprio lui volle per la formazione e l’educazione delle “famule”, le ragazze povere mandate a servizio nelle famiglie ricche, e che è tuttora attivissima nella promozione sociale delle badanti e colf di oggi.

Questa Messa s’inserisce in un ricco calendario commemorativo svoltosi nel corso di quest’anno, diretto a celebrare la figura del venerabile e a farne emergere il talento sfaccettato e l’apostolato instancabile a favore degli ultimi. Anche per questo incontro – il quinto della serie – hanno dato il loro contributo il Centro Internazionale di Sindonologia, la Confraternita del SS. Sudario di Torino e il Museo della Sindone, che hanno in questo modo voluto porgere un riconoscente omaggio agli studi del venerabile sulla Sindone e al suo impegno alla diffusione del messaggio di salvezza del Telo. Presente anche in questa occasione l’esposizione dei pannelli dedicati alla vita del Barberis.

Eclettica la figura del Barberis, difficilmente imbrigliabile in canoni preordinati. Segretario personale del Cardinale Richelmy, fondatore con la congregazione del Famulato Cristiano anche dell’Opera Diocesana Pellegrinaggi di Torino, promotore dei pellegrinaggi a Lourdes, nonché devoto della Sindone e amante dell’ arte sacra, Barberis fu innanzitutto uno strumento della carità divina.

Messa per il Venerabile Barberis_ 25 Sett 17

Lascia un commento

XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>