27
Set 2018

Sotto le insegne della Sindone tutta la città di Torino celebra la riapertura della Cappella che per secoli la ospitò. Il Centro Internazionale di Sindonologia e il Museo della Sindone saranno giustamente in prima fila nel nutrito programma di cerimonie che tra il 27 e il 30 settembre saluteranno l’inaugurazione del capolavoro del Guarini, finalmente risorto a 21 anni dal devastante incendio dell’11 aprile 1997. Il carnet del polo sindonico di via San Domenico 28 si distingue per iniziative in sede, ma anche per prestigiose collaborazioni in rassegne e incontri di studio.
Spicca nel calendario del Museo l’esposizione straordinaria delle lastre impresse per le prime fotografie della Sindone, in calendario tra giovedì 27 settembre e domenica 30.
Subito dopo il taglio del nastro e la visita alla Cappella delle autorità, a partire dalle 14.30, nella sala
multimediale del Museo della Sindone si aprirà la mostra dei rarissimi esemplari impressi nelle notti tra il 25 e il 28 maggio del 1898 dall’avvocato e fotografo amatoriale Secondo Pia, che proprio grazie a questi materiali scoprì il carattere di “negativo” dell’impronta lasciata sul Telo. Per l’occasione la collezione sarà affiancata anche da alcune vetrine contenenti le prime lastre fotografiche della Consolata, sempre dello stesso autore.

Sempre giovedì 27 settembre, alle 18 il Museo e il CIS saranno presenti, come co-protagonisti, a Palazzo Madama per l’inaugurazione della mostra “La Sindone e la sua immagine”, che rimarrà aperta al pubblico nella Corte Medioevale del Palazzo tra il 28 settembre 2018 e il 21 gennaio 2019. Organizzato in collaborazione col Polo Museale e curato da Clelia Arnaldi di Balme, l’allestimento ha contato sulla consulenza scientifica di Gian Maria Zaccone, direttore del Centro Internazionale di Sindonologia di Torino.
Tutto mentre il Museo della Sindone ha dato un non secondario contributo offrendo in prestito per l’esposizione otto pezzi delle sue collezioni, tra cui la cassetta che servì a trasportare la reliquia a Torino nel 1578 e la macchina fotografica da campo utilizzata da Secondo Pia, il primo a documentare fotograficamente la Sindone nel 1898.

Venerdì 28 Settembre, alle 10 in Biblioteca Nazionale, il prof Zaccone figurerà anche nel panel dei prestigiosi relatori del Convegno di studi sulla Cappella della Sindone tra Storia e Restauro. Nel quadro della tavola rotonda sul tema de La Santa Sindone: Storia e Devozione, moderata dal presidente della Commissione diocesana per la Sindone, don Roberto Gottardo, il direttore del Centro Internazionale di Sindonologia si confronterà con Jannic Durand del Museo del Louvre di Parigi e con Andrea Merlotti del Centro Studi del Consorzio delle Residenze Reali Sabaude. Nello specifico il suo compito sarà quello di tratteggiare uno spaccato storico su “La Sindone nella Chiesa: pietà, devozione e culto tra Medioevo e Barocco”.

Il 30 settembre spetterà infine al Museo la chiusura del programma delle iniziative straordinarie. Lo farà con la salita al cantiere di restauro allestito proprio sotto la volta della chiesa della Confraternita del SS. Sudario. Il tour, esclusivo, sarà riservato ai partecipanti al convegno “La Cappella della Sindone tra storia e restauro”, organizzato dai Musei Reali per il 28 e 29 settembre.

Gli interventi sono stati affidati al Centro di Conservazione e Restauro della Venaria Reale, che conta di
chiudere il cantiere nell’autunno inoltrato. I visitatori saranno invitati a salire proprio sui ponteggi dei restauri che, a dodici metri di altezza formano una piazza sotto l’intera volta della chiesa. Montati nel rispetto delle più avanzate norme di sicurezza, sono dotati di scale ampie e protette da mancorrenti.
Il trompe l’oeil della Chiesa, che è l’unico esempio rococò in Piemonte a simulare un cielo aperto, offre notevoli suggestioni quando lo si guardi dal basso, ma consente prospettive inedite e ancora più avvincenti quando lo si ammiri a uno-due metri di distanza.

Iniziative straordinarie in programma per la riapertura della Cappella del Guarini _27_30 Settembre 2018

Lascia un commento

XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>